Menu

Cart
zoom

La mente ampliada

Nessuna valutazione
€ 7,90
Sconto
  • Descrizione
  • Recensioni

I GRUPPI DI PSICOANALISI MULTIFAMILIARE

Il paziente psicotico fa fatica a creare una propria identità perché bloccato in una situazione simbiotica con uno dei genitori o con entrambi, tale situazione genera nel soggetto isolamento relazionale e comunicativo spiegato dalle “identificazioni patogene” con il genitore, una vera e propria prigione in cui il paziente viene intrappolato non potendo costruire un proprio vero sé. Il gruppo multifamiliare, costituito da più famiglie, ciascuna con un componente psicotico, lascia emergere nella scena del setting le identificazioni patogene, l'intero gruppo le può osservare e raccontare, in questo modo è possibile interromperle e creare una propria identità per differenziazione. Questo metodo promuove la costruzione di uno scenario nuovo, inedito, all'interno del quale i vari nuclei familiari patologici, compresi i pazienti hanno la possibilità di mettere a confronto le proprie esperienze, e riattivare i nuclei fondamentali dell'interazione patologica che hanno determinato lo sviluppo del disagio nel tempo. Si rende possibile un processo di modificazione del clima vissuto all'interno del nucleo familiare, di cui beneficiano soprattutto i pazienti, che possono uscire dal ruolo di “pazienti incurabili”, ma anche i familiari che possono riconoscersi come parte in causa, per comprendere e rievocare ciò che è accaduto nel passato, senza attribuirsi le colpe ma per dialogare e ragionare tutti insieme sullo sviluppo di un nuovo processo di cura. L'esperienza del gruppo multifamiliare all'interno di una comunità terapeutica riabilitativa del Gruppo Redancia, “Cima” una struttura residenziale sita nel cuore di Milano, destinata ad ospitare 19 ospiti affetti da grave patologia psichiatrica, il gruppo multifamiliare si inserisce in una cornice di complessi interventi terapeutici e riabilitativi. Il contenitore gruppo si configura contemporaneamente come oggetto, metodo e strumento di lavoro, luogo di incontro per ri-pensare insieme operatori-famiglie e pazienti, incontrare l'altro e se stessi con il principale obiettivo di “esserci”.

 

Autore: E. Simona Solimando, Cristina Cocchi, Silvia Rivolta

Pagine: 92

Anno: 28 febbraio 2018

ISBN: 978-88-96768-68-6

Collana: iPocket psicologia

 

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.

Log In